Canon EF-S 24mm: f/2.8 Buon Pancake APS-C

613
3
CONDIVIDI

Gli obiettivi STM di Canon hanno ricevuto un buon successo grazie all’uso sempre più diffuso che i videomaker fanno delle reflex. Infatti data la silenziosità dell’autofocus è possibile usare tranquillamente il microfono interno della fotocamera. In questo articolo andrò a testare il pancake Canon EF-S 24mm f/2.8 STM per le Eos dotate di sensore APS-C, quindi andiamo a vedere come si comporta.

COSTRUZIONE

È molto solido e compatto e viste la forma e le dimensioni non poteva essere altrimenti. Non è leggerissimo per il tipo di obiettivo che è, mi aspettavo qualche grammo in meno come per il 40mm (sempre pancake). La ghiera del focus è fluida e non troppo morbida da muovere quindi si lavora abbastanza bene in modalità manuale e inoltre la baionetta è in metallo, cosa che ne arricchisce la costruzione.
Baionetta Canon 24mm Per quanto riguarda lo schema ottico abbiamo 6 lenti divise in 5 gruppi il diaframma è composto da 7 lamelle e ha un’apertura minima di f/22 e massima di f/2.8. La minima distanza di messa a fuoco è di 16cm, ci possiamo avvicinare molto al soggetto la messa a fuoco manuale avviene tramite focus by wire, non è perenne anche se la ghiera gira in entrambe le modalità.
ghiera-canon-24mm L’autofocus come già anticipato è l’STM, abbastanza veloce, fluido e silenzioso. Possiamo montare anche filtri polarizzatori perché la parte frontale della lente non ruota durante la messa a fuoco, basta che abbiano un diametro di 52mm.
frontale-Canon-24mm

PRESTAZIONI

Per le prestazioni vale la regola generale che al centro dell’immagine abbiamo una qualità molto buona che poi va a peggiorare leggermente verso i bordi e gli angoli. Partiamo dalla distorsione: abbiamo un lieve accenno di distorsione a barilotto, tipica di questa lunghezza focale.
Distorsione Canon 24mm f/2.8All’apertura massima abbiamo anche un leggero abbozzo di vignettatura che comunque scompare man mano che chiudiamo il diaframma.

Anche la nitidezza non è niente male: al centro è molto buona (anche all’apertura focale massima) mentre rimane un po’ più morbida nelle zone periferiche dell’immagine.

Qui troviamo anche un filo di aberrazioni cromatiche, anche se niente di particolare.
Aberrazioni f/2.8 Canon 24mm f/2.8Se vogliamo migliorare le cose dobbiamo chiudere il diaframma, così facendo le immagini acquistano nitidezza sia al centro che ai bordi (anche se qui rimangono sempre un gocciolino meno nitide). Anche i flares sono un disturbo di cui questo 24mm soffre un po’ anche se non eccessivamente.
Flares f/22 Canon 24mm f/2.8In compenso un altro aspetto positivo della lente è il bokeh che produce: è molto bello, morbido e in contrasto con la parte a fuoco.

Infine l’autofocus: per essere un STM è un gocciolino rumoroso, in ambienti completamente silenziosi qualcosa potremmo sentire quando si muove ma in tutte le altre situazioni dovrebbe passare inosservato.

CONCLUSIONI SUL 24MM

Allora la lente sicuramente molto interessante, la qualità non manca sia per quanto riguarda le prestazioni che la costruzione (tenendo conto della fascia di prezzo): è solido e compatto, la nitidezza è molto buona, distorsioni praticamente non esistono e il bokeh è molto bello. Tutto questo la rende un’ottima lente, la minima distanza di messa a fuoco ci dà la possibilità di creare foto più ricercate visto quanto ci possiamo avvicinare al soggetto e anche il bokeh può rivelarsi uno strumento interessante. L’autofocus torna utile per i video vista la silenziosità e inoltre le dimensioni lo rendono praticamente tascabile, quindi lo potremo portare ovunque inserendolo in qualsiasi scomparto di borse e zaini senza che prenda troppo spazio.

Spero che l’articolo vi sia stato utile, se avete domande fatele pure con un commento qui sotto!
  • Mattia Aron Greco

    ciao volevo sapere se la messa a fuoco in manuale avesse punti di stop (infinito) come per il 50mm f 1.8. || sempre di canon o fosse a giro continuo. grazie

    • Ciao, siccome la ghiera della messa a fuoco è elettronica questa è anche a giro continuo.

      • Mattia Aron Greco

        Grazie mille