Come Utilizzare e Ricaricare le Batterie del Nostro Drone

3178
0

Anche se la tecnologia che muove i moderni droni ha fatto passi da gigante, la durata delle batterie continua ad essere un problema per molti, un esempio è il nuovissimo Phantom 4 Pro. Nonostante videocamere di qualità, sensori anti-collisione e sistemi di navigazione efficenti, anche in condizioni di volo ottimale, la maggior parte dei droni che troviamo in commercio non è in grado di volare per più di 25 minuti. Anche se non c’è alcun modo di aumentare l’autonomia di volo ci sono alcuni trucchetti per ottenere il massimo da ogni carica!

TRATTARE BENE LE BATTERIE

Le batterie che troviamo sulla maggior parte dei droni sono sensibili al surriscaldamento; caricare le batterie ad alte temperature può consumarle e ridurne la carica nel tempo. Evitiamo quindi di ricaricarle appena dopo l’utilizzo, quando sono ancora calde, e facciamolo a temperatura mite. Infine, quando non le utilizziamo, è bene sistemarle in un luogo asciutto e fresco, mai lasciarle nel portabagagli dell’auto!

RICARICARE PRIMA DI VOLARE

Molte batterie hanno una funzione che auto-esaurisce le batterie in qualche giorno dopo la carica. Più a lungo aspettiamo prima di volare il drone, meno batteria potremo sfruttare. Quindi per il miglior risultato è bene utilizzare una batteria fresca di carica.

EVITARE LA SOVRACCARICA

Questo però non vuol dire che possiamo caricare la batteria e lasciarla in carica fino all’utilizzo! È sempre bene scollegarle non appena raggiungono la carica. Alcune batterie intelligenti, come quelle per Phantom 4, lo fanno automaticamente ma è bene non lasciare le batterie in carica più del tempo necessario indipendentemente dal tipo.

CONTROLLARE IL METEO

Controllare il drone in condizioni metereologiche avverse è una bella sfida, sia per il pilota che per il drone. Cerchiamo quindi di non utilizzare il nostro drone durante le tempeste: più forte è il vento e più energia il drone deve utilizzare per combatterlo; la durata delle batterie potrebbe addirittura dimezzarsi. Anche l’umidità può interferire con l’autonomia di volo appesantendo il velivolo.

RIMUOVERE IL  PESO IN ECCESSO

Se non ci serve togliamolo. Questa dovrebbe essere la filosofia di vita del pilota: ogni peso in più sul drone equivale ad un dispendio di energia per controbilanciarlo. Togliamo quindi ogni accessorio che non ci serve, come i filtri sulla lente o la videocamera se non vogliamo filmare.

NON VOLARE GGRESSIVAMENTE

Scordiamoci delle acrobazie, per sfruttare al massimo l’autonomia di volo è bene pilotare il drone con calma, eseguendo traiettorie delicate.

MAI ESAURIRE LA CARICA

Anche se la tentazione di utilizzare anche l’ultima goccia di carica è forte, è bene non farlo: continuare a volare per quei 5 minuti non vale il danno che potremmo causare alle batterie. È bene quindi far riatterrare il drone prima di ricevere l’allerta “batteria scarica”.

Con questi trucchetti saremo in grado di mantenere in forma le nostre batterie più a lungo, evitando così di doverne acquistare di nuove. Se comunque avete domande fatele pure con un commento!