Cerca
Close this search box.

Consigli su come fare foto allo spazio

Consigli su come fare foto allo spazio

Condividi articolo su

In questa rapida guida ti mostreremo dei consigli e dei suggerimenti per fare delle ottime foto allo spazio

Questa guida all’astrofotografia (o fotografia dello spazio) per principianti ti offre un buon punto di partenza per catturare il cielo notturno. Concentrando la nostra conoscenza in questa guida, ti equipaggiamo con tecniche di base e modi ingegnosi per immortalare al meglio il cielo notturno. Se sei agli inizi devi sapere che l’astrofotografia richiede due tipi di investimento: finanziario, per l’acquisto di attrezzatura essenziale, e di tempo e pazienza, poiché per ottenere foto dello spazio soddisfacenti sarà necessario sperimentare e iterare le tecniche.

Leggi anche: 8 consigli per la fotografia al tramonto

Nella guida, affrontiamo tutti gli aspetti necessari per iniziare: dall’attrezzatura essenziale e non, fino ad arrivare alle impostazioni della fotocamera. Detto questo il primo passo è semplice: prova. Anche con una fotocamera semplice o uno smartphone, puoi cominciare a esplorare il mondo dell’astrofotografia.


Attrezzatura

Aggiungi unintestazione 1 1
foto spazio

Corpi macchina e obiettivi

Se stai utilizzando una fotocamera reflex digitale o mirrorless, il primo passo è impostarla in modalità Manuale, sia per l’esposizione che per la messa a fuoco. Consigliamo sempre di utilizzare la messa a fuoco manuale quando si fotografa il cielo notturno, poiché la maggior parte dei sensori semplicemente non sarà in grado di mettere a fuoco il cielo notturno, essendo ovviamente scuro. Utilizza lo schermo sul retro della fotocamera (avere uno schermo che si ribalta rende questo più facile) per mettere a fuoco con attenzione in modo che le stelle appaiano come punti e non come cerchi. Fermare l’obiettivo all’infinito non è sufficiente, quindi ingrandisci se puoi utilizzando i controlli dello schermo per ottenere la messa a fuoco più precisa possibile.

Le fotocamere full frame generalmente si comportano meglio in situazioni di scarsa illuminazione poiché hanno un sensore più grande e possono avere fotositi individuali più grandi che catturano più luce. Tuttavia, con l’aumentare dei megapixel (e quindi la diminuzione delle dimensioni dei fotositi) questo vantaggio sta diventando meno evidente, e le fotocamere con sensore APS-C sono ottime per l’astrofotografia. Sono anche un’opzione più economica rispetto alle fotocamere full frame.

Per quanto riguarda gli obiettivi, un obiettivo grandangolare o ultragrandangolare “veloce” nell’intervallo 12-35mm è il più adatto per scattare foto dello spazio ma anche del paesaggio. Le lunghezze focali grandangolari ti consentono di catturare una buona parte del cielo notturno e anche parte del paesaggio per l’interesse del primo piano. Un obiettivo “veloce” è quello che ha un’ampia apertura massima, in altre parole, un numero di f-stop basso. Un obiettivo con un’apertura massima di f/2.8 o inferiore è considerato un obiettivo veloce, anche se molti astrofotografi optano per obiettivi fissi con aperture di f/1.8 o inferiori poiché tendono ad essere più nitidi e migliori per l’astrofotografia. Se non hai ancora un obiettivo veloce, puoi comunque utilizzare l’obiettivo kit fornito con la tua fotocamera, anche solo per esercitarti per ottenere la tua tecnica e impostazioni corrette. Assicurati solo di operare alla massima apertura disponibile (tipicamente intorno a f/4 sugli obiettivi kit di serie).

Per quanto riguarda gli accessori, un treppiede è essenziale per l’astrofotografia poiché semplicemente non sarai in grado di tenere la fotocamera abbastanza ferma da solo per le lunghe esposizioni richieste, e appoggiarla su un muro non è sempre possibile. La testa del treppiede che si inclina dolcemente ti consente anche di posizionare la fotocamera perfettamente per catturare la parte del cielo che desideri.


Attrezzatura aggiuntiva

Aggiungi unintestazione 2 1
foto spazio

Scatto remoto (raccomandato)

Lo scatto remoto è un pulsante su un cavo che ti consentirà di attivare l’otturatore per ridurre al minimo il rischio di introdurre vibrazioni nella fotocamera. Basta collegarlo alla porta appropriata della tua fotocamera e premere il pulsante sul cavo anziché il pulsante sulla fotocamera. Questi sono molto economici, anche se puoi ottenere quelli wireless che costano un po’ di più. Se non hai un telecomando, puoi invece utilizzare il timer sulla tua fotocamera per garantire che non ci sia movimento della fotocamera durante lo scatto. Alcune reflex digitali hanno una funzione di blocco dello specchio che impedisce al movimento dello specchio all’interno del corpo macchina di indurre vibrazioni, ma questo non è necessario per le fotocamere mirrorless.

Intervallometro (opzionale)

Se stai fotografando le scie stellari e devi scattare sequenze di foto, allora un intervallometro di qualche tipo è un accessorio essenziale. Tuttavia, questa è una forma piuttosto avanzata di astrofotografia, quindi non suggeriremmo necessariamente di uscire per prenderne uno subito se sei più un principiante. Molte fotocamere moderne hanno lo scatto intervallato integrato, quindi dedica del tempo al manuale della tua fotocamera per capire come funziona.

Montatura

A causa del fatto che molti degli oggetti nel cielo notturno sono deboli, dovrai fare esposizioni abbastanza lunghe. La Terra ruota, quindi sarai limitato dal tempo che puoi esporre prima di vedere il movimento apparente del cielo nelle tue immagini. Il movimento apparirà sotto forma di strisce luminose (stelle) e oggetti sfocati.

Quando si scattano scene della Via Lattea, di solito si utilizzano obiettivi grandangolari e si espongono per non più di circa 30 secondi su un treppiede. Se ti vuoi addentrare ancora più a fondo con la fotografia deep-sky (ma anche con la fotografia dello spazio semplice), avrai bisogno di esposizioni più lunghe e tipicamente lunghezze focali più lunghe. Più lunga è la lunghezza focale, più evidente sarà questo movimento del cielo su un singolo fotogramma. Ecco perché avrai bisogno di una montatura equatoriale. Ce ne sono molti tipi disponibili sul mercato e molti dei più leggeri possono semplicemente avvitarsi sulla piastra di base di un treppiede stabile. Una montatura come questa è un investimento relativamente piccolo che finirà per essere una delle parti più importanti del tuo setup.

Lampada frontale

Consigliamo di tenere sempre le mani libere per poter manovrare la tua fotocamera e per questo suggeriamo l’utilizzo di una lampada frontale e, se possibile, con la modalità di luce rossa (se disponibile) per preservare la tua visione notturna. Una lampada frontale è anche utile per ‘dipingere con la luce‘ gli oggetti nel primo piano delle tue immagini, sia creativamente che solo per migliorare l’esposizione. In alternativa, una torcia elettrica con un po’ di plastica rossa sulla punta può ottenere lo stesso risultato.

Infine, se prevedi di scattare a temperature fredde, potrebbe valere la pena investire in qualche tipo di riscaldatore per l’obiettivo. Questi possono impedire che la condensa si infili nel tuo obiettivo e rovini il tuo scatto.


Settaggi

Aggiungi unintestazione 3
foto spazio

Per ottenere le migliori foto dello spazio, avrai assolutamente bisogno di un cielo scuro lontano dall’inquinamento luminoso che altrimenti ridurrà la qualità delle tue immagini. Se hai un posto preferito dove fai escursioni, prendi il treppiede e dirigiti li. Una volta arrivato, ecco alcuni settaggi fondamentali per catturare le tue foto dello spazio:

ISO:

L’ISO si riferisce a quanto è sensibile alla luce la pellicola nella tua fotocamera. Nelle fotocamere digitali moderne, si riferisce alla sensibilità del sensore della fotocamera alla luce. Impostazioni ISO più elevate produrranno immagini più luminose, ma aumenteranno anche la grana delle tue immagini. Per l’astrofotografia, vuoi mantenere l’ISO il più basso possibile, pur aumentando la sensibilità alla luce, per mantenere le immagini del cielo nitide e chiare. Consigliamo un valore di ISO che si aggira attorno agli 800.

Velocità dell’otturatore:

La velocità dell’otturatore determina quanto tempo l’otturatore della tua fotocamera rimarrà aperto e permetterà alla luce di colpire la pellicola della tua fotocamera o il suo sensore digitale. Si misura in relazione al secondo, quindi una velocità dell’otturatore veloce potrebbe essere 1/1.000 di secondo, mentre una velocità lenta potrebbe essere un secondo. Per la fotografia notturna, dovrai utilizzare un treppiede, perché devi utilizzare velocità dell’otturatore davvero lente e non vuoi che la tua immagine si sfuochi. Prova esposizioni di 5, 8 o addirittura 10 secondi e esamina i risultati per vedere quale sembra migliore.

Apertura:

Probabilmente dovrai utilizzare un’impostazione di apertura inferiore (chiamata f-stop), perché mentre gli f-stop più alti consentiranno un’immagine con più profondità di campo, sarà difficile ottenere abbastanza luce per una buona esposizione. Poiché probabilmente non attirerai l’attenzione sulla profondità di campo nelle foto delle stelle, le impostazioni di apertura più alte saranno la strada da seguire (con alcune eccezioni, ovviamente).

In definitiva, l’importante è mantenere una mente aperta, sperimentare e vedere cosa ottieni, così puoi capire con quali settaggi ti trovi meglio.


Consigli e suggerimenti

Aggiungi unintestazione 4
foto spazio

Primo piano:

Se stai cercando di bilanciare la luce e la messa a fuoco tra il primo piano e il cielo notturno, ti consigliamo di scattare più esposizioni di ciascun elemento e unire le immagini insieme durante l’elaborazione, poiché richiederanno impostazioni diverse per ottenere il meglio di ognuna. Potresti persino scoprire che ottenere le tue riprese in primo piano un’ora o due prima durante l’ora blu ti aiuterà, poiché c’è più luce con cui lavorare per i tuoi oggetti in primo piano senza dover aumentare l’ISO. Tuttavia, ciò non è sempre possibile.

Riflessi:

Se stai fotografando il cielo notturno vicino a un lago e il tempo è calmo, c’è un’ottima opportunità di provare a catturare il riflesso delle stelle nell’acqua. Ci sono diversi modi per farlo, a seconda delle condizioni. Personalmente preferiamo fare il lavoro pesante durante lo scatto, quindi suggeriamo di cambiare il tuo punto focale verso l’acqua e fare un’esposizione, quindi ripristinare la tua messa a fuoco sul cielo notturno e fare lo stesso scatto – potrai unirli successivamente durante l’elaborazione.

Potresti dover bilanciare un po’ la velocità dell’otturatore, a seconda delle condizioni – un’esposizione di 20 secondi catturerà il riflesso delle stelle, ma potresti cogliere il movimento sull’acqua che ne riduce la nitidezza. Potresti provare esposizioni più brevi per il tuo scatto di riflessione, ma potresti dover lavorare di più per far emergere le stelle durante l’elaborazione. Le modifiche lineari del gradiente di Lightroom sono perfette per far emergere la nitidezza e la chiarezza dei riflessi, quindi prova quella.

Bilanciamento del bianco:

Anche se di solito consigliamo di impostare il bilanciamento del bianco su una temperatura leggermente più fredda per gli scatti allo spazio, puoi sperimentare sia con le impostazioni manuali del WB che con le preimpostazioni, per creare tinte e variazioni interessanti alle tue immagini.

Leggi anche: Come fare foto alla eclissi totale di Sole

Se stai ottenendo un po’ di inquinamento luminoso, regolare il bilanciamento del bianco può effettivamente farlo sembrare una caratteristica della foto (raccomandiamo di raffreddarlo molto e vedere l’effetto che ha), anche se avresti bisogno di un filtro gradiente per ridurre il rumore se sei più vicino a un’area urbana. Anche se per iniziare, puoi semplicemente usare l’impostazione ‘Bilanciamento del bianco automatico’ e sperimentare con regolazioni più fredde e calde quando modifichi per vedere quale effetto preferisci.


Conclusione

L’astrofotografia offre l’opportunità di esplorare l’intrigante vastità dello spazio e catturare la sua bellezza nascosta. Questa guida fornisce una panoramica completa, dall’attrezzatura necessaria alle tecniche di esposizione, preparandoti per un viaggio nel cielo notturno. Ricorda, la pazienza e la dedizione sono fondamentali, ma le ricompense sono immense: ogni scatto avvicina il fotografo alla meraviglia dell’universo, che si tratti della Via Lattea, delle nebulose o delle galassie.

Commenti

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici sui social

Che tu sia un appassionato di fotografia e video o di informatica e gaming, sei nel posto giusto.

Novità

Iscriviti alla newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle novità

rtx serie40

Contatta i nostri esperti

Mettiti in contatto con i nostri esperti così che potranno rispondere a qualsiasi tua domanda