EOS R5, Test sul campo tra le strade di Firenze!

460
0

Ragazzi siete pronti per questo test con Canon EOS R5?

In questo articolo voglio mettere alla prova la Canon EOS R5, la mirrorless Canon che promette incredibili prestazioni.

EOS R5 è una mirrorless full frame tropicalizzata, una volta presa in mano ha un’impugnatura piacevole e salda che mi ricorda le reflex come la 80D oppure la 5D, una caratteristica che fa piacere ai nostalgici delle reflex come me.

Nonostante questa caratteristica ha tutti i vantaggi dell’essere una mirrorless leggera e maneggevole.

Il monitor LCD touch screen è ruotabile in tutte le direzioni, e permette grazie al touch screen di gestire le diverse funzioni.

Questo rende la Canon EOS R5 una macchina veramente comoda per chi come me fa vlog e vuole vedersi mentre parla!

Sulla parte alta della macchine si trova un monitor veramente interessante ragazzi!

Ci permette di vedere modalità e parametri di scatto come:

  • Scatto continuo o singolo
  • Autofocus
  • JPEG, RAW

Davvero utile per non sbagliare modalità di scatto!

Il resto della macchina è molto simile alle reflex Canon, quindi ragazzi per chi di voi ha già lavorato con le fotocamere di questo marchio il passaggio alla R5 sarà molto semplice.

Altre caratteristiche:

Mirino LCD comodo e grande.

Tasto On-Off bello resistente, per non rischiare di accenderla e spengerla per sbaglio.

Due ingressi per memory card, per la classica SD, l’altro per la CF Express per riuscire a scattare in modo più veloce e per girare il video in 8K.

Il sensore è un Full Frame da 45 megapixel, davvero un botto di definizione!

Arriva a scattare fino a 20 fotogrammi al secondo con l’otturatore elettronico e 12 fotogrammi al secondo con otturatore meccanico.

Il processore è lo stesso della Canon 1DX Mark III quindi il top di gamma

Il sensore è stabilizzato su 5 assi e riesce a recuperare fino a 8 stop, inoltre ha l’autofocus Dual Pixel versione 2 quindi aggiornata

Io mi sono sempre trovato benissimo lavorando con l’autofocus Canon nel video, ma questa nuova versione sembra pronta a stupirmi ancora di più.

La versione 2 infatti va a coprire il 100% del sensore e dell’immagine con riconoscimento del volto degli occhi sia umani, che animali.

Qui puoi vedere come si comporta EOS R5 nei test di scatto:

Dal test che ho fatto il tracking dell’autofocus sull’occhio del soggetto è indissolubile.

Lo abbiamo stressato facendo muovere la modella sia avanti-dietro che lateralmente e la macchina non ha sbagliato un colpo!

Parlando di video questa macchina riesce a registrare fino a 8K in RAW ovviamente è possibile usare anche il 4k arrivando fino a 120 FPS e anche il Full HD.

Io l’ho testata sul campo per voi andando a fare uno Shooting in giro per Firenze in notturna e penso che sia il miglior modo per capire come lavora una macchina fotografica.

Quindi le mie first impression su questa macchina

Prestazioni elevatissime a livello di autofocus, mantiene il soggetto e non lo molla assolutamente!

Poco rumore, ho provato ad alzare gli ISO e fino a 6400 non presenta nessun tipo di rumore fastidioso sull’immagine.

Potete spingere parecchio con questa macchina! Anche se va considerato che con così tanti megapixel il rumore sarà più visibile nelle immagini avendo una maggiore definizione!

Adesso arriviamo a un test che ci hanno richiesto tanti utenti, quello per capire se la macchina surriscalda!

Io ho avuto modo di provarla in 4K, ho registrato e la ripresa si è interrotta a 30 minuti perché è il limite massimo di ripresa, ma non ho notato nessun surriscaldamento.

Quindi secondo me se dovete fare video dove riprendete per ore e ore senza interruzioni, allora non è la macchina che si addice di più a voi.

Però per fare delle clip che non durano tantissimo la macchina lavora senza problemi, soprattutto con l’aggiornamento del firmware.

Un’altra cosa che vado a vedere nelle macchine è la gamma dinamica, ho fatto dei test andando a sottoesporre, andando a scattare in condizioni di scarsa luminosità e non presenta nessun tipo di problema.

Riusciamo anche andare a recuperare delle immagini sottoesposte o sovraesposte senza grossi problemi, soprattutto se scattiamo a iso bassi.

La durata della batteria dichiarata è di circa 350 scatti, io avendo fatto le raffiche sono riuscito a farne anche più del doppio.

Però per un utilizzo medio, scattando un po’ in giro con varie pause, la durata della batteria si assesta sugli scatti dichiarati quindi non tantissimo.

Il mio consiglio? Portatevi una batteria extra

Una caratteristica che ho apprezzato molto come utente Canon è che la EOS R5 monta le stesse batterie della mia 80D, permettendomi di continuare a utilizzarle senza doverne acquistare di nuove.

Per finire voglio dirvi che sono rimasto piacevolmente colpito da EOS R5 in questo test, stessa cosa che mi era capitata quando avevo avuto modo di lavorare con la prima mirrorless di Canon EOS R.

Come la prima volta sono rimasto stupito dal c-log il profilo colore piatto, che possiamo andare poi a lavorare in post-produzione al meglio per fare color grading, color correction.

In più la stabilizzazione su 5 assi e la possibilità di aggiungere quella digitale rende le riprese veramente fluide.

Questo articolo finisce qui, potete trovare la macchina sul sito di Ollo Store in più varianti.

Vi ricordo sempre di iscrivervi al nostro canale YouTube perché usciranno un botto di video di fotografia di informatica molto interessanti.

Alla prossima!

Articolo precedenteSony A7 IV: Test sul campo Foto & Video
Articolo successivoCome ottenere foto cinematografiche: un look sognante nei tuoi scatti!
Sono Walter Quiet: fotografo fiorentino di 27 anni, sono il punto di riferimento per la fotografia in Ollo Store. Condivido consigli, tecniche e tutorial per chi ama la fotografia in modo non convenzionale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.