I migliori filtri per la fotografia di paesaggio!

104
0


Oggi voglio parlarvi dei filtri Kase, che ci è stato fornito in anteprima per poterlo provare e conoscerne le prestazioni. E’ un kit di filtri fotografici più completo che ci sia. Troviamo sia filtri circolari quindi con la classica forma circolare ma anche i filtri a lastra.

Perché ci sono queste due tipologie? Perché i filtri non si montano sull’obiettivo bensì sul porta lastra eccolo qua:

Possiamo montarci un massimo di 4 filtri di cui 2 circolari e 2 a lastra. Troviamo spazio dietro per un filtro e davanti per un altro e poi le due lastre possiamo andare a montarle davanti i filtri. Sono rettangolari perché sono graduali e quindi possiamo spostarli verticalmente per andare a regolarne l’effetto. Tenete a mente che oltre i filtri a lastra rettangolari, potete trovarne anche di quadrati che non hanno bisogno di andare a fare un movimento verticale come questi.

In questo kit specifico troviamo una borsa dove poter mettere tutti i filtri, tappi ecc.

Nella borsa troviamo i vari separatori per tenere in ordine i vari filtri. Cosa interessante che possiamo fare nella borsa è inserire, in un apposito spazio trasparente in plastica, l’etichetta per il filtro che andremo ad inserire all’interno dello scomparto.

In questo modo troviamo rapidamente senza dover impazzire a cercare il filtro che ci serve in quel momento. All’interno della borsa è prevista anche la tracolla.

Quindi utile per trasportarli in modo comodo ma soprattutto sicuro per non danneggiare questi che non sono filtri di plastica ma sono filtri di vetro ottico scott.

Dentro troviamo tre filtri circolari e tre filtri rettangolari a lastra nello specifico: un ND64 un ND1000 e un filtro polarizzatore graduale soft 1.2 un altro graduale soft 0.9 quindi un effetto più leggero. E’ un graduale però stavolta reverse sempre con intensità 0.9.

Questo è l’elemento principale dove andiamo a montare tutti i filtri quindi possiamo andare a montare i filtri circolari di cui uno qua dietro un altro qua davanti e possiamo ruotare con questa rotellina.

Se ad esempio montiamo il polarizzatore è fondamentale poter fare il movimento circolare per andare a regolare l’effetto desiderato quando stiamo per esempio inquadrando il mare oppure un cielo con le nuvole. Mentre invece le lastre sono magnetiche quindi andiamo ad allargare leggermente la rotellina, prendiamo il filtro e lo mettiamo nell’apposito spazio. Vedrete che va da solo a incastro perché magnetico e dopo andiamo a stringere la rotellina.

Ovviamente lavoriamo sempre con la macchina sul cavalletto in queste situazioni quindi macchina sul cavalletto così abbiamo entrambe le mani libere e possiamo regolare il filtro andando a vedere la nostra inquadratura da live view.

Essendo magnetico il vantaggio interessante è che filtra molto meno la luce da una lastra e l’altra e quindi andremo a perdere meno qualità della nostra immagine.

Mentre invece quello che vedete nella foto sotto è l’adattatore che possiamo andare ad avvitare al nostro obiettivo per poi montare la lastra in modo magnetico che tramite il sistema di sicurezza permette di non far cadere i filtri.

All’interno della confezione troverete anche un tappo di protezione da mettere sopra l’adattatore che permetterà di proteggere la nostra lente perché se andiamo a togliere il supporto con tutti i filtri, possiamo lasciarlo avvitato e mettere il tappo di protezione.

In questo modo eviteremo di rischiare di andare a graffiare la nostra lente quando non abbiamo i filtri applicati.

Compatibilità

Altra cosa interessante da sapere su questo kit è il fatto che possiamo acquistare anche solo le cornicette in questo modo possiamo andare a montare dei filtri anche di versioni precedenti. Utile per non andare a riacquistare di nuovo gli stessi filtri che abbiamo già in casa.

Filtro Reverse

Magari andiamo ad approfondire questo filtro Reverse che è più scuro nel centro.

Come mai? A differenza degli altri, questo filtro ci può tornare utile in situazioni sempre di paesaggio dove vogliamo andare a scurire solo la parte centrale. Magari stiamo fotografando il mare al tramonto o il sole quindi è in una parte vicina all’orizzonte e andando a mettere questo filtro andremo a scurire solo nel centro dell’immagine.

Filtro polarizzatore

Il filtro polarizzatore invece ci serve ad andare a eliminare i riflessi indesiderati sulle superfici riflettenti come ad esempio su dei vetri oppure sul mare, sul lago. Inoltre ci aiuta a tirare fuori maggiormente i dettagli del cielo o delle nuvole. Il cielo blu ce lo rende un colore più da film quindi una volta che prendiamo la mano con questi filtri, andando a combinarli insieme, riusciremo ad ottenere dei paesaggi che sicuramente saranno fenomenali.

Kase Wolverine

Tutti questi filtri della Kase sono della serie Wolverine, ciò significa che sono resistenti agli urti e graffi. Sono olio fobici quindi sono resistenti anche alle varie ditate ma sono anche facili da pulire.

Vi lascio il link per poterlo acquistare sul nostro sito e come sempre vi consiglio di iscrivervi al nostro canale YouTube per non perdervi le nostre ultime novità.

Articolo precedenteCome regolare il bilanciamento del bianco nelle foto
Articolo successivoLe novità di Leica SL2 e SL2-S con il nuovo Firmware!
Sono Walter Quiet: fotografo fiorentino di 27 anni, sono il punto di riferimento per la fotografia in Ollo Store. Condivido consigli, tecniche e tutorial per chi ama la fotografia in modo non convenzionale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.