Meglio fotografare in Raw o Jpg? – La risposta definitiva

101
0

Oggi parliamo dei formati di immagine che possiamo utilizzare sulle nostre macchine fotografiche, quindi il formato Jpeg e il formato Raw.

Andiamo a vedere come fare a impostare questi due formati di immagine e soprattutto quando è meglio usare uno oppure l’altro.

Non c’è la risposta definitiva ma dipende appunto da ciò che dovete fare altrimenti non ci sarebbero due tipi di formati di immagine se ce ne fosse uno giusto e uno sbagliato. Non cascare nella trappola di dire che è meglio uno o meglio l’altro per sentito dire.

Oggi andremo a fondo della situazione così da chiarire definitivamente cosa comporta uno e cosa comporta l’altro. In questo modo potrete fare la vostra scelta nei migliore valutando attentamente ogni aspetto.

Partiamo nel dire che sulle vostre fotocamere potete andare nel menu in base alla marca che avete Nikon, Canon, Sony ecc, a cambiare il formato della foto che voi scattate.

Solitamente avete a disposizione tre opzioni:

  • jpeg
  • raw
  • jpeg e raw

La fotocamera dunque vi permette sia di scegliere uno dei due formati oppure di sceglierli entrambi per poi avere la possibilità di decidere dopo se usare l’uno o usare l’altro.

Cos’è Jpeg

Jpeg è un formato dell’immagine compressa quindi la nostra fotocamera scatta la foto, cattura l’immagine e poi ci va a fare un’elaborazione digitale, quindi sarà un file compresso.

Questo cosa significa? Che quando poi andrete a modificare la foto sul vostro computer su Photoshop, Lightroom o in altri programmi, avrete molte meno opzioni da poter cambiare. L’esposizione è una delle opzioni mancanti, o meglio, avrete meno margine di recupero, quindi se andate a sbagliare qualche parametro ma siete a scattare e non volete stare a pensare ad avere l’immagine perfetta nell’esposizione o nella composizione, dovete scegliere il Raw perché ha molte più opzioni per poterlo modificare.

Perchè dovrei scattare in jpeg se il formato Raw è il migliore per essere editato?

Il formato Jpeg ha diversi vantaggi e uno tra tutti è il fatto che è un formato più leggero quindi se fate delle prove, vedrete che il peso della foto è parecchio diverso da un raw. Questo significa che se avete una memory card con poco spazio allora scattare in Jpeg sarà la soluzione migliore. Ipotizziamo che avete la memory card piena di spazio perchè vi siete scordati di scaricare i file su pc, siete fuori a scattare e dite ho solo 50 foto a disposizione se scatto in raw. In quel caso allora per poter portare tutto lo Shooting a casa dovrete decidere di scattare in Jpeg.

Come seconda cosa per cui conviene scattare in Jpeg è quando dobbiamo inviare rapidamente le foto e non ci interessa fare grande post produzione. Se siete a fare le foto ad un evento ed è importante che quelle foto vadano online più velocemente possibile per un evento in piazza o una testata giornalistica o un blog di notizie che pubblicare subito le foto scattate in jpeg e la inviate tramite computer. Altro esempio può essere quello di foto dove non dovete fare grandi elaborazioni perchè è una foto che va su Facebook o su Instagram, per un ristorante o degli eventi. Personalmente mi è capitato di dover fare foto di eventi notturni e quindi ho deciso di scattare in jpeg così la fotocamera elaborava molto più velocemente. Se siete a fare tante foto e avete bisogno che la memory card non si riempia oppure vi serve che la fotocamera riesca a macinare delle belle raffiche di foto potete scattate in jpeg così non avete questo problema.

Quindi in queste situazioni ho scattato in jpeg quindi non è sempre vero che bisogna sempre usare il raw ma dovete valutare in base alla situazione dove siete.

Perchè scattare in Raw?

Quali sono gli svantaggi dell’usare il Jpeg? Se abbiamo un file più leggero avremo un file che possiamo modificare velocemente magari anche con qualche app sul telefono oppure la mettete su photoshop senza dover passare da camera raw però rinunciate a tantissime cose. Raw tradotto in Italiano vuol dire grezzo dunque originale. E’ un file molto più pesante che ha molte più informazioni però se avete sbagliato esposizione oppure volete recuperare delle zone di ombra, delle zone di luci allora potete farlo anche in un secondo momento mentre invece se lo fate con un file jpeg il file vi si distruggerà.

Con il file raw invece tutto questo è possibile come se voi foste ancora a scattare e volete recuperare un po’ l’esposizione oppure volete tirà fuori un po’ di ombre o un po’ di luci. Ovviamente qui entra in gioco anche la gamma dinamica della vostra macchina per questo ci sono fotocamere da 400 euro e fotocamere da 4.000 euro e con una fotocamera da 4.000 euro che ha un sensore che registra più informazioni e quindi riuscite a recuperare magari più luci oppure più zone di ombra. Per fare questo avete bisogno di un programma apposito quindi Camera Raw oppure anche Lightroom mentre non potrete mettere direttamente su Photoshop il file Raw.

Il mio pc è adeguato per modificare le foto in raw?

Cosa da non sottovalutare assolutamente è il discorso che servono dei computer più prestanti quindi se voi non riuscite ad aprire il vostro file raw sul vostro computer probabilmente o vi manca l’estensione per poter leggere quel file raw oppure potrebbe anche succedere che avete un computer che non ce la fa ad elaborare le foto. Questo è un discorso importantissimo che non dovrete sottovalutare se volete comprare una fotocamera da 2000 mila euro. Avere un computer prestante è fondamentale perché sennò sarà un problema modificare le foto. Avrete delle foto enormi o un sacco di megapixel però il computer non ce la fa ad elaborarle. Tenetelo a mente dunque se possedete un computer veramente economico che non ha grandi prestazioni dunque meglio se scatto in jpeg così mi posso elaborare le foto. Non sarà proprio possibile lavorarle in Raw ma potrete elaborare tutti i parametri di cui abbiamo parlato prima ma in jpeg. Dunque esposizione, luci, ombre, colore avrete molto meno margine di manovra mentre invece foto in raw sarà come se voi foste ancora lì a scattare e potrete fare grandissime modifiche quindi tanta post-produzione tanti dettagli eccetera eccetera. Altra cosa interessante è il discorso della temperatura colore quindi quando noi scattiamo in jpeg dobbiamo azzeccarla subito perché se mettete la temperatura colore sbagliata sarete rovinati poi in post produzione perché il file jpeg non lo recuperate più se andrete a provare a cambiare, vi si distrugge!

In Raw posso invece mettergli la temperatura colore giusta andando a selezionare i vari preset come luce diurna oppure lampadina tungsteno.

Dove archivio le foto?

Potete fare tutto questo in un secondo momento e qui faccio con voi una riflessione interessante: secondo me è veramente importante che la tecnologia sia a supporto della nostra creatività e quindi se noi possiamo andare a toglierci tutta la parte tecnica magari uno ci può pensare dopo ed è meglio perché quando scatto non sto a guardare se imposto correttamente la temperatura colore. Ovvio che non la metto completamente sbagliata e mentre scatto tutte le foto sono blu o arancioni però anche se fosse potrei sistemarlo dopo in post. Mentre scatto voglio vedere un po’ di colori come stanno venendo però ci penso dopo se magari ho scattato leggermente sottoesposto o sovraesposto oppure se ho da recuperare delle zone di alte luci oppure se appunto ho la temperatura colore non perfetta come la voglio posso andare a campionare una zona di grigio e andare a prendermi la temperatura colore corretta in fase di postproduzione.

Su Lightroom ci sono veramente un sacco di cose che noi possiamo fare e quindi è importantissimo mettere tutta la parte tecnica e la parte tecnologica a supporto della creatività che non vuol dire scattare a caso senza guardare quello che stai scattando però avere un margine di manovra e pensare solo a tirare fuori il meglio dallo shooting che sto facendo è veramente importante.

Il file raw essendo più grande e avendo più pixel possiamo anche andare a fare dei crop quindi a tagliare la nostra foto e non andare a perdere risoluzione mentre invece un file jpeg più che tagliate più che poi dopo vedrete la foto pixellata. Queste sono tutte cose che voi dovete valutare però valutate in base al computer che avete e anche in base all’archiviazione che avete quindi non solo l’archiviazione della memory card ma anche l’archiviazione di un secondo momento.

Considerate anche il fatto che se avete un computer con poca memoria e non avete degli hard disk esterni dovrete acquistarli per l’archiviazione di tutti quei file raw che magari vi serviranno in un secondo momento

Per questo motivo vi suggerisco di pensare bene se per voi è meglio scattare in raw o jpeg.

Valutate bene cosa dovete scattare

E pensando a questo mi torna in mente un fotografo che conoscevo che faceva le foto alle serate tutte in raw e le lavorava una a una. Dunque……a mio parere, almeno che non siate un fotografo professionista che viene pagato un migliaio di euro a shooting non farei mai una cosa simile. Perché se devo stare a modificare ogni foto, che per una serata si parla dalle 200 alle 400 foto, una ad una in camera raw, è pura follia! Se invece scattate in Jpeg e poi prendete un preset o un’azione su Photoshop, con un click modificate tutte le foto di un evento senza stare a modificare una ad una le foto.

Per evitare dunque grosse perdite di tempo devi capire se quella che stai scattando è una foto che va su un cartellone pubblicitario o su una rivista oppure se finisce su Facebook per un evento di un ristorante o di un concerto dove basta una risoluzione inferiore perché non devo fare grandi modifiche.

Quindi vi suggerisco di fare questi ragionamenti e di valutare bene cosa dovete realmente fare.

Come sempre vi suggerisco di iscrivervi al canale Youtube per non perdere nuovi tutorial di fotografia, recensioni e test sul campo.

Per qualsiasi domanda scrivetemi sotto nei commenti

Articolo precedenteCome montare una sedia da Gaming – Itek Scout PM30
Articolo successivoSONY A1 – Test sul campo dell’ammiraglia Sony!