Cinque Consigli per ottenere veri foodporn su Instagram

874
0

Se amate il cibo, la fotografia e le fotografie al cibo allora avete sicuramente un account Instagram. A differenza della fotografia tradizionale però (persone, posti,…) la food photography si concentra maggiormente sulla composizione; il contesto è una parte fondamentale della foto, sempre. Questo tutorial è dedicato a coloro che vogliono migliorare la propria tecnica da questo punto di vista, andiamo a vedere come.

Prima di iniziare, vi consiglio di leggere anche il nostro articolo su come ottenere foto migliori con lo smartphone. Qui troverete tanti altri suggerimenti, e soprattutto le “regole fondamentali”, per realizzare una bella fotografia con il semplice ausilio del vostro smartphone.

LA LUCE

Questo è l’unico consiglio tecnico che troverete in questo breve articolo. La luce deve essere neutrale (o naturale). Che stiate scattando al ristorante o a casa, cercate di avere sempre una foto dai colori naturali. E se la luce ambientale è gialla? Provate a correggiere la foto con i filtri o le modifiche di Instagram. Questo procedimento si chiama “bilanciamento del bianco”, ovvero una foto per essere bilanciata correttamente deve riproporre il colore bianco (più soggetto a contaminazione) come tale.

IL COLORE

Avete mai visto una foto di cibo in bianco e nero? Forse, ma è una scelta stilistica che si vede raramente. Questo perché la texture dei vari elementi che compongono la foto risaltano maggiormente a colori. Quindi perché non sbizzarrirsi con alimenti agargianti? Frutta e dolci si prestano più facilmente da questo punto di vista, ma anche primi piatti e secondi possono esprimersi al meglio se affiancati ad un contesto colorato; mi raccomando però, senza strafare, il protagonista delle immagini deve essere il cibo!

L’INQUADRATURA

Se scattate ogni fotografia su superfici simili, o se utilizzate la stessa illuminazione, considerate l’opzione di cambiare inquadratura e composizione. Spostate il piatto, mettetelo vicino ad una finestra (per sfruttarne la luce), oppure cambiate superficie, cambiate angolazione; insomma sperimentate posizioni e sfondi differenti!

IL CONTESTO

Come ogni foto, anche quelle fatte al cibo raccontano una storia. Qui è dove entra in gioco il contesto, ovvero tutto ciò che non è cibo. Per rendere più interessante la composizione perché non inserite nella scena gli utensili che avete utilizzato per preparare la pietanza? Oppure qualche ingrediente crudo per dare più dinamicità alla foto? Per esempio, se vogliamo presentare una panna cotta ai frutti di bosco potremmo spargere per la scena alcuni lamponi, o dei miritlli!

NON STRAFARE

Il contesto è sì importante quasi quanto il soggetto ma non dimentichiamoci che è quest’ultimo l’elemento principale della foto. L’ultimo suggerimento che vi voglio dare è quello di non strafare: nonostante più vivacità può giovare alle foto, strafare significherebbe distogliere l’attenzione del cibo. Quindi, a partire dal piatto su cui posiamo il cibo, tutto ciò che non è cibo deve rimanere abbastanza anonimo.

Questo era un semplice tutorial dedicato a chi utilizza principalmente lo smartphone, la food photography è un’arte come tutte le altre branche della fotografia. Se quindi vi interessa un tutorial più approfondito fatecelo sapere con un commento!