Recensione Polarpro Katana: come trasformare il DJI Mavic Pro in un Ronin

1600
0

Il Polarpro Katana è uno di quegli oggetti da non sottovalutare; per quanto semplice possa sembrare nasconde un grande potenziale che, unito alla qualità filmica del DJI Mavic Pro, non può che dare soddisfazioni. Sì perché non dimentichiamoci che il Mavic ha un obiettivo con una lunghezza focale (equivalente) di 28mm, con un angolo di campo di 80°, caratteristiche simili al tipico obiettivo standard da 35mm. Con questo drone infatti i filmati avranno un look più cinematografico rispetto a dispositivi come il DJI Osmo, concepita appositamente come videocamera stabilizzata.

COSTRUZIONE

La qualità di questo telaio è molto buona, la barra orizzontale è talmente solida da sopportare sforzi e tetnativi di deformazione; anche le impugnature in gomma rigida non sono da meno, cercando di deformarle non hanno avuto problemi a compensare l’impulso ricevuto.

In generale quindi è un telaio molto solido, inoltre ha un’ottima presa sul Mavic una volta strette bene entrambe le viti che tengono ferme il tutto (cosa fondamentale visto che lo dovrà sostenere). Non abbiate paura di rovinare il drone perché nella parte inferiore della barra orizzontale c’è una striscia di gomma che funge da cuscinetto fra drone e Katana.

MONTAGGIO

Il Katana è semplicissimo da montare, basta fare attenzione a pochi dettagli. Prima di tutto assicuriamoci di aver smontato tutte le eliche che la modalità di controllo remoto del Mavic Pro sia impostato su Wi-Fi. Per farlo dobbiamo cambiare la posizione dello switch sul fianco destro del drone, nel vano della scheda di memoria.

A questo punto possiamo montare il Katana sul drone, posizioniamo il pezzo inferiore del telaio sotto il Mavic e poi avvitiamo il pezzo superiore. Facciamo però attenzione a non coprire il pulsante di accensione con la parte superiore del Katana, altrimenti non potremo accendere o spegnere il Mavic.

Dettaglio pulsante accensione DJI Mavic Pro

Infine avvitiamo il supporto per gli smartphone (che può ospitare telefoni fino all’iPhone 7 Plus) nella posizione che più ci interessa. Ma la vite dedicata a questo supporto apre un mondo di possibilità: la filettatura 1/4″ permette di montare un’infinità di accessori utili alla registrazione video, come microfoni e LED (oltre allo stesso smartphone), rendendo il Katana una vera e propria gabbia.

EFFICACIA

Come annunciato ad inizio articolo il Katana è un oggetto da non sottovalutare, assolutamente. L’ergonomia dell’impugnatura aiuta a dissipare le vibrazioni che altrimenti trasmetteremmo al Mavic tenendolo semplicemente con una mano. E questo si può ben vedere nei risultati. Comunque per ottenere buoni risultati occorre un po’ di allenamento, soprattutto nella camminata (come per qualsiasi altro stabilizzatore), dopodiché saremo in grado di filmare in modo fluido anche mentre camminiamo.

Tutto questo, unito alla qualità dei filmati prodotti dal Mavic, rende la combinazione dei due dispositivi uno strumento molto potetente. Ricordo che il Mavic ha addirittura il profilo di registrazione D-Log, per filmare in modo “flat” e far il color grading in post produzione.

Da non sottovalutare inoltre l’autonomia: la batteria del Mavic, non dovendo alimentare i motori, durerà molto di più (stiamo parlando di qualche ora), dando la possibilità di filmare con più calma (e si sa, il tempo è il miglior amico del filmmaker).

MAVIC IS THE NEW RONIN

Non è obbligatorio montare lo smartohone sul Katana per farlo funzionare, è possibile utilizzarlo tranquillamente come un DJI Ronin! Mi spiego. Mentre un operatore, chimiamoli così, sposta il Mavic un secondo operatore potrebbe gestirne la videocamera tramite lo smartphone, creando filmati più dinamici (aggiungendo pan del gimbal al movimento del Mavic) migliorando lo storytelling, senza contare il fatto che così viene alleggerito il carico di lavoro sul primo operatore.

CONCLUSIONI

Il Polarpro Katana è quindi un accessorio che permette di trasformare completamente il Mavic Pro, permettendo a chi ne possiede già uno di ampliare il modo di creare video. Il Katana è inoltre facile da trasportare perché non occupa spazio nello zaino una volta disassemblato, altro grande punto a favore. Insomma, è un accessorio che consiglio vivamente a tutti (coloro che possiedono un DJI Mavic Pro).