Ultrabook o Notebook – Scegliere Secondo le Esigenze

2378
0

Questa guida è dedicata a tutti coloro che sono in cerca di un computer portatile, in particolare a chi è incerto su quale tipo scegliere: se i leggerissimi ultrabook o i tradizionali notebook. Le differenze fra i due dispositivi sono delle sfumature ma contemporaneamente definiscono nettamente quali sono gli uni e quali sono gli altri. Andiamo quindi a vedere quali sono queste differenze e quali dispositivi soddisfano le nostre necessità.

LE DIFFERENZE

I NOTEBOOK

I notebook, che ormai potremmo chiamare anche laptop, sono i portatili tradizionali, quei computer che offrono sì la convenienza dell’essere portatili ma che comunque non rinunciano (interamente) alla potenza di calcolo. Questo porta a priorizzare le prestazioni invece dell’ingombro, dando vita a dispositivi che a volte hanno delle dimensioni molto generose, come il WT72 6QM (workstation di MSI) o il GT83VR 6RF (notebook gaming della stessa azienda).

Una workstation, quando si parla di laptop, è un portatile estremamente potente, capace di rimpiazzare un pc fisso dalle alte prestazioni.

GLI ULTRABOOK

Potremmo definire gli ultrabook come un’evoluzione dei tradizionali notebook. Sono figli dell’evoluzione tecnologica: componenti sempre più potenti ma contemporaneamente più piccoli hanno permesso lo sviluppo di questi dispositivi. A dire il vero, e dobbiamo dirlo, gli ultrabook sono la versione Windows dei vari Macbook, primi computer di questo tipo. Ma come si riconosce un ultrabook da un notebook? Semplice, differiscono già dal punto di vista estetico: gli ultrabook sono più piccoli e leggeri perché progettati per essere il meno ingombranti possibile; si riconoscono anche per il design più ricercato ed il telaio, ricavato da un unico pezzo di metallo (alluminio quello più gettonato); per mantenere un profilo più sottile possibile vengono inoltre sacrificate alcune interfacce come il lettore CD. Dal punto di vista hardware invece (a parte alcuni accorgimenti, come l’utilizzo di SSD per mantenere ridotte le dimensioni) non si discostano molto dai laptop: un ultrabook di fascia medio-alta è un ottimo dispositivo con cui lavorare, in grado di sopportare carichi di lavoro come fotoritocchi, e leggeri editing video. Un esempio di questa categoria è l’Acer Aspire S13

CONCLUSIONI: QUALE SCEGLIERE

Per decidere quale fra i due dispositivi acquistare è necessario pensare all’utilizzo che ne faremmo (ovviamente), se pensiamo di essere degli utenti che non si spingeranno mai oltre la semplice navigazione web o la fruizione dei software basilari (i programmi di Microsoft Office pr intenderci), allora possiamo tranquillamente puntare verso un ultrabook entry-level come l’Asus X540SA-XX311D. Se invece pensiamo di dover sfruttare maggiormente il dispositivo, ma non vogliamo avere l’ingombro di un laptop, possiamo puntare ad un ultrabook (o macbook) più potente, come il Lenovo ThinkPad Yoga 900. Va da sè che i notebook sono la scelta giusta per coloro che trovano indispensabile la potenza di calcolo. Attenzione però, esistono anche laptop entry-level (quindi molto economici) come il Lenovo Essential B50-10 che offrono tutto ciò di cui un utente può aver bisogno (compreso il lettore CD) mantenendo le dimensioni abbastanza ridotte.

Spero che la guida vi sia stata utile, se comunque avete domande fatele pure con un commento!