Zhiyun-Tech Crane M2 – piccolo gimbal praticamente perfetto

69
0

Zhiyun-Tech Crane M2 è un prodotto che a prima vista potrebbe essere sottovalutato, dico questo perché ci sono cascato anche io. In realtà è un dispositivo eccezionale, proprio grazie a quelle caratteristiche che a prima vista potrebbero sembrarne i punti deboli, come dimensioni, peso e carico massimo. Inoltre la sua versatilità lo rende un gimbal tutto fare, in grado di ospitare e gestire fotocamere compatte, smartphone e action cam!

COSTRUZIONE

I più grandi punti di forza di questo gimbal sono la compattezza e l’estrema leggerezza, basta paragonarlo al DJI Ronin-S che in confronto è sia enorme che pesantissimo. Nonostante tutto questo è in grado di sostenere un carico massimo di ben 720g, perfetto per tutti quei dispositivi che vanno dagli smartphone e le action cam fino ad arrivare alle fotocamere compatte come la Sony RX100 VI per le quali è effettivamente progettato; ma può ospitare anche piccole mirrorless come la Sony Alpha 6400 col proprio obiettivo da kit (è comunque possibile caricarlo leggermente di più ma a discapito delle prestazioni, anche con una calibrazione perfetta i video risulterebbero lievemente mossi).

Va da sé che trasportare il Crane M2 non rappresenta il minimo problema. Grazie alle dimensioni, una volta ripiegato e bloccato, può essere riposto nello zaino, oppure nelle tasche esterne; se si preferisce utilizzare comunque la custodia basterà una tracolla, uno zaino capiente o un trolley.

INTERFACCIA

Per quanto riguarda l’interfaccia il Crane M2 non si discosta molto da quello che siamo abituati a vedere sui prodotti Zhiyun. Ci sono due dettagli che però meritano attenzione, sto parlando della filettatura laterale e del selettore per lo zoom. La prima offre un aggancio per molti tipi di accessori (microfoni, piccoli monitor, supporti per lo smartphone, eccetera), il secondo invece permette di gestire lo zoom dei dispositivi una volta collegati al gimbal tramite l’applicazione ZY Play (tra l’altro basterà collegare fotocamera e gimbal una sola volta). Applicazione che permette inoltre di gestire lo start e lo stop dei video, scattare fotografie e di creare filmati nelle classiche modalità creative (come time lapse e panorama).

Ovviamente non tutte le fotocamere sono compatibili col gimbal, per scoprire quali lo sono ecco il link alla lista ufficiale redatta dalla stessa Zhiyun-Tech. Interessante vedere che le GoPro Hero 7 sono totalmente compatibili con la gestione del video, dello scatto e addirittura dello zoom.

UTILIZZO

Questo stabilizzatore fa capire subito che utilizzarlo non è affatto difficile, anche per chi è completamente a digiuno.

CALIBRAZIONE

L’interfaccia e la semplicità di calibrazione lo rendono uno stabilizzatore adatto anche a chi vuole iniziare a prender confidenza con questo mondo. Ma soffermiamoci un attimo sulla calibrazione. Ovviamente segue le stesse regole che seguono tutti i dispositivi di questo tipo, però c’è un piccolo dettaglio che, per quanto semplice, lo rende innovativo visto che va a risolvere un problema comune: sull’asse di roll è presente una linguetta che permette di “salvare” la posizione in cui l’asse è perfettamente calibrato; funzione comodissima che permetterà di non perdere tempo ogni volta che riapriremo il Crane M2.

MODALITÀ DI MOVIMENTO

Zhiyun-Tech Crane M2 mette a disposizione una rosa di modalità molto interessanti, che spaziano da quelle più classiche a quelle più innovative. In tutto sono sei e per selezionarle non dovremo far altro che premere il tasto M o il grilletto: PF Mode, permette di muovere la fotocamera orizzontalmente a seconda di come giriamo l’impugnatura del gimbal; F Mode, attivabile con una singola pressione del grilletto (o per la durata di una pressione prolungata), aggiunge anche il movimento verticale; L Mode permette di bloccare la fotocamera in una determinata posizione (anche intervenendo con le mani); POV Mode è quella più interessante, in questa modalità la fotocamera guarda sempre avanti mentre noi possiamo muoverla a 360° su tutti e tre gli assi; Go Mode, attivabile con una doppia pressione del tasto M, velocizza i movimenti del gimbal così da poter seguire anche le azioni più veloci; infine Vortex Mode, attivabile premendo nuovamente per due volte il tasto M, fa proprio quello che ci aspettiamo, ovvero permette di roteare la fotocamera di 360° (come col Ronin-S).

SMARTPHONE E ACTION CAM

Non dimentichiamoci che il Crane M2 può ospitare anche smartphone e action cam, inoltre con i dispositivi compatibili permette di gestirne zoom, video e scatto (proprio come con le fotocamere). Questo lo rende un dispositivo molto versatile, che va a soddisfare anche le esigenze di quei travel vlogger che non possiedono una compatta. E questa caratteristica non è da sottovalutare perché è vero che ormai tutte le action cam sono dotate di stabilizzatore, ma si tratta di un processo digitale che va ad inficiare sulla qualità del video; con Crane M2 possiamo disattivarlo e sostituirlo con una stabilizzazione reale, fisica. Lo stesso discorso è applicabile anche agli smartphone, ma per questo tipo di prodotto il Crane M2 risulta utile anche in un altro modo: permette di appesantire il telefono con vari tipi di accessori, dal microfono all’obiettivo esterno, aprendo un mondo a chi è vincolato a filmare o fotografare con lo smartphone.

CONCLUSIONI

Sicuramente Zhiyun-Tech Crane M2 è un prodotto molto interessante, semplicità e compattezza sono le sue armi migliori infatti è uno stabilizzatore dedicato principalmente a chi fa vlog, una risposta da parte di Zhiyun-Tech a DJI Osmo Pocket e DJI Ronin-SC. Non per questo comunque non è un gimbal potente, anzi, quello per cui è stato progettato lo fa in modo eccezionale, aggiungendo nuovi sapori a quello che stava rischiando di diventare un mercato piuttosto blando.