DJI Avata: presentazione del nuovo drone fpv di DJI!

213
0

DJI AVATA è il nuovo drone FPV di DJI (brand di cui potete recuperare qui i precedenti articoli).

All’interno di questo articolo vi farò l’unboxing per vedere:

  • Cosa c’è dentro
  • Quali sono le novità
  • E se questo drone è adatto anche per chi è alle prime armi come me

Quella che ho a disposizione è il DJI Avata con motion controller e il nuovo visore Goggles 2; dovrebbe essere un sistema molto intuitivo e capace di far guidare anche chi è alle prime armi.

Unboxing del nuovo drone fpv DJI Avata

drone-fpv-dji-avata-goggles-2

All’interno della confezione sono presenti:

  • Eliche di ricambio
  • Cavo USB-C per trasferire i file
  • Caricabatterie
  • Il drone DJI
  • Batteria con attacco proprietario Dji
  • Cavo per trasferire i file registrati all’interno del drone
  • Eliche di ricambio

Quale è la novità interessante di questo drone?

È che è un drone FPV, quindi non è il classico drone come possono essere il DJI Mini o il DJI Mavic, bensì un drone che è possibile guidare in modalità di visualizzazione in prima persona.

FPV sta infatti per “First Person View”.

test-con-drone-fpv-dji-avata

Un’altra novità è che si tratta di un drone già assemblato!

Chi fa un drone FPV solitamente se lo assembla da solo prendendo vari pezzi… in questo caso è tutto già pronto, incluse le protezioni!

Trattandosi di droni soggetti a fare le riprese più spericolate, può capitare che subiscano degli urti, per questo le protezioni sono veramente utili.

Il DJI Avata è quindi la soluzione per chi vuole entrare nel mondo dei droni fpv senza assemblarlo in modo autonomo.

Come è fatto il drone DJI Avata?

  • Nella parte anteriore del drone è presente la videocamera
  • Nella parte inferiore sono presenti i sensori che individuano l’altezza del drone, con il fine di non volare troppo bassi
  • Le quattro eliche sono dotate di protezione attorno
  • Il pulsante di accensione è presente sulla parte posteriore
  • Sono presenti l’ingresso micro SD per inserire la scheda di memoria e l’USB-C per trasferire i file al computer (devo ammettere che in questo caso la posizione per l’ingresso non è comodissima)

Unboxing del visore DJI Goggles 2

visore-dji-goggles-2-fpv

All’interno della confezione, avvolto dal suo sacchetto, è presente il visore: veramente piccolo e leggero rispetto a quello della versione precedente.

Sulla parte superiore dei Goggles DJI sono presenti le antenne per la trasmissione del segnale, mentre dalla parte inferiore del visore è possibile regolare la distanza per adattare il tutto alla vostra faccia.

Inoltre sono presenti gli appositi pomelli per la regolazione delle diottrie.

Nell’apposito ingresso è possibile inserire una micro SD per registrare ciò che riprende il visore.

È presente anche un ingresso USB-C per trasmettere il segnale al telefono, proprio a fianco dell’ingresso per l’alimentazione del DJI Goggles 2.

Infatti il visore non ha una batteria interna e dovrete alimentarlo sempre con una batteria esterna.

Sul lato è presente la “touch operation area” che, come una trackpad del macbook, permette di fare direttamente da lì delle varie regolazioni.

touch-operation-area-drone-fpv-dji-avata-goggles-2

E il motion controller?

Questo è un accessorio veramente rivoluzionario per chi utilizza il drone in maniera amatoriale!

Con il motion controller è infatti possibile guidare il drone semplicemente inclinando o ruotando il telecomando.

Ma attenzione!

Si carica con USB-C ma non accetta tutti i tipi di cavi ti tipo C, poiché deve avere un certo voltaggio.

Il cavo non è incluso, quindi questo è un punto a sfavore.

Cosa è presente nella confezione?

Oltre al cavo per alimentare il visore sono presenti:

  • Lenti per il visore
  • Laccio elastico per mettere il visore dietro e poterlo adattare
  • Cavo per attaccare il vostro smartphone al visore e farli comunicare
  • La batteria esterna per caricare il visore

Premendo due volte il tasto di accensione, il controller si attiva; attenzione che fino a che le luci lampeggiano vuol dire che non è collegato al visore.

Il grilletto serve per fare accelerare il drone, mentre il tasto rosso serve per avviare la registrazione del video.

pulsanti-motion-controller-dji-goggles-2
il tasto rosso, tasto brake e tasto M

Il tilt serve per andare a tiltare il gimbal del drone, quindi per effettuare riprese inclinandolo in su/giù.

Tasto brake, essendo così grosso, è comodo perché per interrompere il viaggio del drone in qualunque momento.

Premendo il pulsante brake una volta interromperete la corsa del drone per qualunque emergenza, premendolo invece due volte attiverete la funzione “return to home”.

Con il tasto rosso il drone atterrerà e decollerà, mentre l’ultimo pulsante del pannello è il tasto M, ovvero quello delle modalità.

Il DJI Avata è un drone fpv che registra in 4k a 60 FPS, mentre invece a 2.7K potete registrare a 50, 60, 100 e 120 fps.

Questo drone pesa 410 grammi, quindi serve il patentino per poter volare.

Ha un sensore di 1/1.7″.

Offre la possibilità di registrare i video anche in D-Cinelike, un profilo un po’ più flat rispetto al profilo classico, che consente di avere più margine di manovra nella fase di color grading e color correction anche se non è un profilo log.

L’Avata di DJI ha 18 minuti di autonomia, quindi vi consiglio di avere anche altre batterie se intendete utilizzarlo durante i vostri viaggi!

Ha la stabilizzazione sia rock steady che horizon steady:

  • La stabilizzazione rock steady consente di stabilizzare i vari movimenti
  • Mentre la horizon steady permette di avere sempre l’orizzonte dritto (l’avete vista anche nella DJI Action 2 nel video di test sulla neve)

Ovviamente questo drone DJI è compatibile con l’FPV remote controller 2, quindi il joystick classico e anche con il DJI FPV Goggles V2, ovvero il visore precedente (un po’ più grosso e ingombrante ma che va comunque più che bene).

Ci sono 20 gb di memoria interna che possono essere estesi grazie alla micro SD.

Ha la modalità tartaruga questo è molto interessante: cioè che se il drone dovesse cascare di testa, automaticamente si flipperà toccando terra con le eliche, molto figo!

Possiamo comandarlo fino a 10Km di distanza.

Un’altra cosa interessante è l’APP dedicata che vi consente di fare delle simulazioni di volo!

Se volete allenarvi senza rischiare di distruggere il vostro Avata potete farlo dal vostro telefono indossando il visore e il vostro motion controller.

L’app in questione è DJI Virtual Flight mentre invece l’altra per poi volare è DJI Fly.

volo-virtuale-app-dji-fly

Cliccate qui per iscrivervi al canale Youtube e non perdervi nessuna novità sul mondo dei droni.

Qui trovate invece il drone fpv DJI Avata!

Articolo precedenteCome usare un monitor esterno con il PC portatile? Ecco 5 consigli per farlo al meglio!
Articolo successivoCaratteristiche Fujifilm X H2S: la mirrorless Fuji APS-C
Sono Walter Quiet: fotografo fiorentino di 27 anni, sono il punto di riferimento per la fotografia in Ollo Store. Condivido consigli, tecniche e tutorial per chi ama la fotografia in modo non convenzionale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito è protetto da reCAPTCHA, ed è soggetto alla Privacy Policy e ai Termini di utilizzo di Google.

Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!