Recensione Nilox DOC X1, e-bike perfetta per il centro città

387
0

Nilox DOC X1 è la bicicletta elettrica ripiegabile a pedalata assistita perfetta per chi vive in città; ma con i suoi 25 km di autonomia massima potrebbe tornare utile anche a chi abita poco fuori il centro urbano.

DESIGN E COSTRUZIONE

A prima vista potrebbe sembrare una classica bici pieghevole, tradisce solo la batteria esterna, rimovibile, da 4.4 Ah posta sotto il sellino. Anche il motore brushless da 250 W passa inosservato, infatti è inserito al centro nella ruota posteriore. Oltre a questi due dettagli la bici non si discosta affatto da quello che potremmo essere abituati a guidare: freni a V sia davanti che dietro, sellino molleggiato e regolabile così come il manubrio. Ottima idea quella di inserire un portapacchi posteriore, utile per trasportare qualsiasi cosa a patto di non superare di troppo i 100kg di carico massimo (entro i quali deve entrare anche la persona alla guida).

Non dimentichiamoci che la bici è pieghevole: questa è una delle caratteristiche più importanti del mezzo perché, insieme ai 20 kg di peso, rende la bici piuttosto semplice da trasportare sia in città (metropolitana e mezzi pubblici) che in auto. Ed è proprio questo dettaglio che ne amplia quasi esponenzialmente le potenzialità, mi spiego: personalmente amo viaggiare e visitare posti in auto e in moto, e alcuni dei miei ultimi viaggi si sono svolti proprio in macchina. Questo mi ha permesso di stabilire itinerari e tappe in piena libertà, ma non mi permette di girare comodamente per le città (penso al traffico, al dover trovare parcheggio e alle ZTL). Portarsi in auto una bici di questo tipo rende il viaggio perfetto perché permette di muoversi in città senza nemmeno dover utilizzare i mezzi pubblici (e quindi stare ai loro orari).

Piccola chicca è il fatto di poter ripiegare anche i pedali in modo da prendere meno spazio possibile questo tornerà di nuovo utile per riporla nel bagagliaio della macchina o per essere meno ingombranti in treno o sui mezzi pubblici. A rifinire il design della bici troviamo due parafanghi in plastica e la batteria estraibile, sulla quale mi soffermerò più avanti.

INTERFACCIA

Semplicità è la parola che riassume l’interfaccia di controllo. Nilox mette a disposizione solo un tasto, per attivare la pedalata assistita, ed un piccolo pannello con tre led colorati (verde, giallo e rosso) che indica il livello di carica della batteria. Ovviamente abbiamo a disposizione i freni, come detto prima entrambi a V, e praticamente nient’altro. Sulla parte frontale abbiamo una piccola luce LED comunque potente, utile per farsi notare e vedere la strada di sera (o di notte). A supplemento, sulla parte posteriore, è posizionato un catarifrangente rosso.

BATTERIA

La batteria è posta fra la catena e la ruota posteriore. Come detto prima ha una capacità di 4.4 Ah ed un voltaggio di 36 V che permettono di arrivare a 25 km di autonomia in uso continuo (ovviamente in condizioni di viaggio ottimali). Sulla batteria stessa è posizionato un indicatore di carica (più preciso rispetto a quello sul manubrio perché con più livelli) che possiamo consultare premendo il tasto rosso posto a fianco; il funzionamento è lo stesso delle batterie dei droni, che permettono di verificare il livello di carica anche se non sono collegate al dispositivo.

La batteria è facilmente rimovibile grazie al sistema di sgancio rapido attivabile tramite l’apposita chiave. Funzione standard ma da non dare per scontata perché in questo modo, oltre a proteggere la batteria portandola con noi, se per esempio passeremo la giornata a lavoro, potremo anche ricaricarla per il viaggio di ritorno nel caso l’autonomia residua non bastasse. Ma quanto tempo impiega la batteria a ricaricarsi? Pochissimo, bastano 3 ore!

COMFORT DI GUIDA

Grazie all’ampio sellino, al portapacchi posteriore e, soprattutto, alle ruote da 20″ l’utilizzo e la guida di questa Nilox X1 è veramente piacevole. Le ruote sono in grado di gestire anche terreni leggermente sconnessi, come ciottolato o asfalto rovinato, e mantengono stabile la guida ad alte velocità (ottima caratteristica per affrontare discese leggermente più ripide). La velocità massima di 25 km/h è un limite imposto per legge, infatti nel caso si superino per qualsiasi motivo il motore si disattiverà automaticamente. Comunque sia è una velocità che permette di districarsi molto bene nel traffico cittadino, infatti non pesa affatto l’assenza del cambio.

PEDALATA ASSISTITA

Affrontiamo un attimo il discorso della pedalata assistita. Per attivarla non dovremo far altro che premere il pulsante rosso sul manubrio e pedalare per tre volte; a questo punto entrerà in funzione il motore elettrico da 250W. Per quanto ineccepibile possa sembrare in realtà c’è una situazione particolare in cui risulta essere un (quasi) fallace: sto parlando della partenza in salita. È vero che è un falso problema ma è un appunto che devo fare: nel caso in cui volessimo partire in salita (per esempio se teniamo la bici in un garage sotterraneo), prima di ricevere aiuto dal motore dovremo fare le tre pedalate richieste e quindi durare un po’ di fatica.

Comunque sia, una volta innescata, la guida diventerà un vero piacere. Saremo in grado di raggiungere velocemente destinazioni nelle breve e medie distanze, ovviamente rimanendo nell’ambito cittadino. Anche i freni a pattino non sono da sottovalutare, nonostante possano sembrare insufficienti per il tipo di veicolo fanno un buon lavoro, infatti possiamo arrestare la bici dolcemente con una lieve pressione o fermarla bruscamente in caso di necessità premendo a fondo le due maniglie a disposizione.

CONCLUSIONI

In conclusione, questa Nilox DOC X1 si dimostra essere una bici praticamente perfetta. Ottima per gli spostamenti urbani ma comunque utile per chi abita poco fuori città, grazie anche alla rapidità con cui è possibile ricaricare la batteria. Insomma, scegliendo X1 non sarai deluso dalle sue capacità e dalla sua versatilità, un must per chi non può (o non vuole) spostarsi per la città in auto.

Se hai domande riguardo la bici lascia pure un commento qui sotto!