Panasonic Lumix S1 e S1R – le nuove mirrorless full frame che sfidano Sony

349
0

Allo scorso Photokina Panasonic aveva annunciato le proprie mirrorless con sensore full frame create in collaborazione con Sigma e Leica, della quale infatti sfruttano l’innesto L (leggi i dettagli dall’anteprima Fowa). Adesso l’azienda si ripresenta col lancio ufficiale delle due fotocamere, che prendono il nome di Panasonic Lumix S1 e Panasonic Lumix S1R, svelando la porzione restante delle rispettive schede tecniche.

PANASONIC S1 vs S1R

La strategia adottata da Panasonic non è niente di nuovo, i due modelli rappresentano due offerte differenti, Panasonic Lumix S1 andrà a concorrere, sia come prezzo che come caratteristiche, con la Sony Alpha 7 III, infatti ha un sensore da 24 megapixel che la rende una fotocamera tuttofare, proprio come la concorrente; la Panasonic Lumix S1R invece andrà a dar fastidio alla Sony Alpha 7R III con i suoi 47 megapixel di risoluzione

COSTRUZIONE

I due modelli hanno molto in comune, a partire dall’aspetto estetico: entrambe offrono le stesse linee e la stessa identica interfaccia, sulla parte frontale abbiamo, ovviamente, la baionetta, vari tasti funzione ed il contatto PC per un gestire un flash esterno; il lato sinistro invece è dedicato all’interfaccia di input/output e qui troviamo il connettore per lo scatto remoto, i due jack per microfoni esterni e cuffie, un collegamento USB Type-C per la ricarica e, molto probabilmente, il tethering da PC e infine un’uscita HDMI A con supporto al sistema Viera Link;

sul lato posteriore abbiamo il mirino elettronico OLED da 5-76 milioni di punti che può passare dalla frequenza di riproduzione a 60 fps a quella di 120 fps, il monitor touch semi-articolabile (esattamente come quello della Fujifilm X-T3) e parte dell’interfaccia di controllo, retroilluminata, come i tasti per navigare il menu ed il joystick ad 8 direzioni (Panasonic ha aggiunto quelle diagonali) per selezionare i punti di messa a fuoco; il fianco destro mè dedicato alle memorie, entrambe le fotocamere offrono il doppio slot, quello primario per le schede XQD e l’altro per le classiche schede SD; infine sulla parte superiore troviamo il resto dell’interfaccia di controllo, un display LCD che riassume tutte le impostazioni in uso, la s‌litta flash e le ghiere dedicate alle modalità e velocità di scatto. Un dettaglio che merita assolutamente di essere menzionato è il fatto che la longevità degli otturatori dei due modelli è stimata su circa 400000 scatti.

SCOPRI SUBITO PREZZO E DISPONIBILITÀ

DIFFERENZE

Come è facile immaginare la Lumix S1R è dedicata a tutti quei fotografi che poi andranno a stampare su grandi formati e non, come fotografi pubblicitari e paesaggisti. Il sensore che incorpora ha infatti una risoluzione di 47.3 megapixel ed è in grado di spostarsi in un range ISO di 10025600. Se comunque la risoluzione nativa non dovesse essere sufficiente, grazie alla modalità High-Res Mode la fotocamera è in grado di scattare un’immagine RAW a 187 megapixel; il principio di funzionamento è lo stesso di quello visto sulla Panasonic Lumix G9 e la recente Olympus O-MD E-M1X, ovvero tramite la capacità di spostare il sensore.

Dettaglio sensore full frame Panasonic Lumix S1R

La Panasonic S1 invece ha un sensore da 24.2 megapixel con un range ISO che va da 100 fino a 51200 e la modalità High Resolution Mode è in grado di scattare immagini RAW a 96 megapixel.

VIDEO

Entrambi i modelli sono in grado di filmare video 4K 60 fps ma la S1R è obbligata ad entrare in crop mode per alleggerire la quantità di pixel letti. Quindi fra le due fotocamere quella più indirizzata verso la registrazione video è sicuramente la S1. Non solo perché la registrazione UHD 4K 30 fps‌ e 24 fps non ha limiti temporali di registrazione, ma anche perché tramite aggiornamento firmware la fotocamera sarà in grado di registrare a 4:2:2 10 bit 4K/30p internamente e 4:2:2 10 bit 4K/60p esternamente. E quando questo aggiornamento sarà disponibile sarà a pagamento, metodo già visto con il rilascio del V-Log per le GH; V Log che vedrà la luce anche sulla S1 (mentre la S1R ne rimarrà sempre e comunque sprovvista).

SIMILITUDINI

Entrambe le fotocamere incorporano il sistema di stabilizzazione Dual I.S. 2 in grado di recuperare fino a 6 stop d’esposizione quando utilizzato con gli obiettivi stabilizzati. A colore che lamentano la mancanza di un sistema AF a rilevamento di fase, Panasonic risponde che il proprio sistema a contrasto con tecnologia DFD offre prestazioni migliori senza i relativi svantaggi, per esempio è in grado di mettere a‌ fuoco fino a -6EV; e se ci dovessero essere scenari in cui non dovesse farlo, sarebbe comunque possibile migliorare le prestazioni tramite update o insegnando alla deep learning AI presente nelle fotocamere. A proposito di intelligenza artificiale, le due fotocamere sono in grado di riconoscere soggetti umani e animali (uccelli, gatti e cani sono solo alcuni) per il tracciamento. Caratteristica spettacolare che torna molto utile in fase di scatto continuo, sia la S1 che la S1R possono scattare raffiche da 9 fps con AF singolo oppure da 6 fps con AF continuo. Una nota che torna molto utile nell’utilizzo di tutti i giorni è il fatto di poter ricaricare le mirrorless tramite la porta USB C mentre si utilizzano; tipo di ricarica che sarà comunque improbabile sfruttare perché entrambi i modelli usano la nuova batteria Panasonic DMW-BLJ31 da 31000 mAh.

I PRIMI OBIETTIVI L-MOUNT

Panasonic con queste fotocamere lancia, insieme a Leica e Sigma, il sistema L-Mount Alliance passando così da uno standard (micro 4/3) ad un altro. Oltre agli obiettivi Leica già in commercio le due mirrorless avranno a disposizione un parco ottiche proprietario che al momento del lancio sarà composta da tre obiettivi: un fisso e due zoom. Il primo sarà il Panasonic 50mm f/1.4 S Pro con il quale l’azienda promette di offrire le prestazioni migliori della categoria (dalla nitidezza al bokeh); in kit con le macchine sarà proposto il Panasonic 24-105mm f/4 Macro O.I.S., lente che fa già capire tutto di se stessa, la sua particolarità sarà quella di poter mettere a fuoco da soli 30cm senza dover attivare nessuna modalità di messa a fuoco particolare o entrare in uno specifico range di distanze focali (come invece impone di fare il Canon 24-70mm f/4 L IS USM); infine sarà proposto anche il Panasonic 70-200mm f/4 S Pro O.I.S., un primo obiettivo sportivo in attesa della classica versione f/2.8.

Obiettivi mirrorless full frame Panasonic S1 e S1R Leica

LINEA S PRO

Come ti sarai accorto alcuni di questi obiettivi sono contrassegnati dalla dicitura S Pro, che sta ad indicare la linea di prodotti “certificati” da Leica per la loro pregiatezza ottica. Quindi il piano di Panasonic è quello di distinguere in (almeno) due linee i propri obiettivi, come fa già Canon con la propria serie L dedicata alle reflex full frame.

Per scoprire il prezzo e preordinare uno dei due modelli visita il nostro catalogo! Se invece sei curioso di scoprire ulteriori dettagli sulle fotocamere non devi far altro che continuare a leggerci su questo blog!