Come Ottenere Foto Migliori con lo Smartphone

1682
0

La popolarità dei social network come Instagram ha sicuramente incentivato lo sviluppo delle fotocamere sugli smartphone. Negli ultimi anni c’è stato un miglioramento non indifferente da questo punto di vista, se prima le foto sembravano essere scattate con una patata oggi potremmo aver difficoltà nel distinguere una fotografia fatta con uno smartphone (in condizioni di luce ottimali) e una fotocamera vera e propria; ovviamente finché rimaniamo nell’ambito dei social network, dove le dimensioni e la pesante compressione delle immagini possono trarre in inganno. C’è però una tipologia di fotocamere che è tranquillamente paragonabile agli smartphone, le compatte: gli errori che vengono commessi nell’uso di questi dipositivi sono simili, quindi come è possibile Ottenere il Massimo da una Compatta è possibile anche con gli smartphone, con qualche appunto possiamo migliorare nettamente la nostra tecnica.

LA GIUSTA APPLICAZIONE

Se vogliamo sperimentare e cercare di ottenere foto più “professionali” dobbiamo smettere di scattare in modalità automatica e prendere il pieno controllo sull’esposizione, questo vuol dire trovare la giusta applicazione che ci permetta di farlo e che ci permetta anche di scattare in RAW, per avere la possibilità di post produrre le fotografie che abbiamo fatto. Altra abitudine da perdere assolutamente è quella di usare il flash, se vogliamo risultati che non sembrino amatoriali non lo dobbiamo utilizzare.

L’unica situazione dove è permesso usarlo è quando il soggetto è in controluce, per compensare la luce che viene da dietro il soggetto ed avere un’esposizione bilanciata.

Il valore che influisce maggiormente sulla qualità delle immagini è il valore degli ISO, ovvero la sensibilità del sensore. Più è alto questo valore e maggiore è la sensibilità del sensore, questo porta ad avere rumore e perdita di dettagli all’interno delle foto man mano che aumentiamo la sensibilità.
Rumore SmartphonePer evitare questo disturbo è opportuno mantenere ISO bassi e compensare con il tempo di esposizione. Ci imbatteremo comunque nella condizione in cui aumentare l’esposizione non basterà (tempi troppo lunghi provocano foto mosse), a quel punto ci sono due soluzioni: o usiamo il flash o un supporto come il Camgloss Spider Tripod combinato con la testa MeFoto SideKick 360.

VERTICALE O ORIZZONTALE

L’errore più grave, che è anche il più diffuso, è l’orientamento del dispositivo. Viene usato spesso in verticale per la comodità con cui possiamo scattare la foto (visto che basta una mano e un tocco sullo schermo). Usarlo in questo modo non è assolutamente sbagliato, ma è bene far attenzione a cosa vogliamo esprimere attraverso la fotografia. Ogni aspetto dell’inquadratura conta, una fotografia verticale può suscitare una sensazione differente rispetto alla stessa foto scattata in orizzontale, quindi non limitiamoci ad una singola inquadratura ma sperimentiamo!

COMPOSIZIONE

Un errore comune è quello di lasciar vuota, inutilmente, gran parte dell’inquadratura: cerchiamo di riempire gli spazi vuoti avvicinandoci al soggetto, facendo così lo risalteremo all’interno dell’inquadratura. Per comporre una fotografia in modo che risulti piacevole alla vista esistono anche delle “norme” di base, come la regola dei terzi: immaginando di dividere l’inquadratura in terzi, sia verticalemte che orizzontalmente, dovremo posizionare il soggetto in una delle intersezioni ottenute.
Regola dei terzi fotografia smartphoneNonostante sia una delle regole più semplici è in grado di cambiare totalmente il significato che vogliamo dare alla fotografia. Prendiamo un tramonto per esempio, se allineiamo l’orizzonte col centro della foto avremo l’equilibrio fra cielo e terra, questo vuol dire che vogiamo dare risalto ad entrambi nello stesso modo. Se invece posizioniamo l’orizzonte su uno dei terzi orizzontali daremo più importanza al cielo o alla terra.

Un altro errore che viene commesso spesso (e da evitare come la peste) è quello di utilizzare lo zoom digitale. Questo perché lo zoom è praticamente un crop e come tale provoca perdita di dettagli e definizione. Ovviamente se non abbiamo alternative è lecito usarlo ma se invece possiamo avvicinarci fisicamente al soggetto, facciamolo.
Zoom digitale Smartphone

SUPPORTI E ACCESSORI

Come in fotografia professionale sono necessari dei supporti per stabilizzare la fotocamera, anche con lo smartphone sarebbe opportuno farlo, prima ho accennato ad una soluzione versatile con il Camgloss Spider Tripod ma anche semplici impugnature potrebbero bastare. Altri accessori, utili ma non proprio economici, sono gli obiettivi esterni da poter collegare alla fotocamera. Solitamente gli smartphone sono dotati di ottiche a lunghezza focale fissa grandangolare, questo ci impedisce di usare la fotocamera al meglio perché mentre sono obiettivi ottimi per paesaggistica contemporaneamente non permettono di dare il massimo in molti stili, come macro e ritrattistica.

TENERE LA LENTE PULITA

Rimaniamo in tema lenti: sporcare quella frontale della fotocamera è facilissimo, basta maneggiare lo smartphone o appoggiarlo sul lato posteriore. Lo sporco e le ditate che si creano davanti la lente abbassano moltissimo la qualità della foto, quindi pulire l’ottica prima di scattare è un gesto semplice ma che porta grandi risultati.
Fotocamera Smartphone

Questi erano alcuni trucchetti per migliorare la qualità delle foto che facciamo con lo smartphone, spero che l’articolo vi sia stato utile ma se avete domande fatele pure con un commento qui sotto!